Il Bando Attrattività dell’Emilia-Romagna

Strutture ricettive rinnovate (bike hotel, family hotel, centri wellness), botteghe nei centri storici, cinema e teatri moderni e accoglienti, ma anche nuovi musei d’impresa. Ovvero, l’Emilia-Romagna ancora più attrattiva grazie alla valorizzazione dei territori e delle proprie eccellenze. La Regione stanzia quasi 15 milioni di euro per progetti innovativi di riqualificazione turistica, commerciale e culturale di imprese emiliano-romagnole, fondi che produrranno oltre 43 milioni di investimenti nei prossimi due anni. E lo fa attraverso un unico bando che per la prima volta mette appunto insieme tre importanti settori come turismo, commercio e cultura. A essere maggiormente premiate saranno quelle in grado di creare nuova occupazione. L’iniziativa (14 milioni e 894 mila euro l’importo dei finanziamenti) si inserisce nell’ambito del Programma operativo Por Fesr 2014-2020 e in particolare nell’asse 3, riservato alla competitività delle imprese e del tessuto produttivo.

Il bando, approvato dalla Giunta regionale il 17 ottobre scorso (pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione n.314/2016), prevede tre misure di sostegno: una per il settore turistico ricettivo (7,5 milioni), per progetti sulla ricettività, in particolare alberghiera e all’aria aperta; la seconda per gli esercizi commerciali (4 milioni), per progetti sulle attività al dettaglio, soprattutto nei centri storici; la terza per il settore cultura (2,891 milioni), rivolta a progetti relativi a luoghi adibiti a rappresentazioni cinematografiche, teatrali e musicali. Nell’ambito di quest’ultima misura, per la prima volta si finanzia anche la nascita dei musei d’impresa, intesi come quei percorsi o spazi-mostra voluti dalle aziende per trasmettere il valore della cultura produttiva dell’Emilia-Romagna e in grado di creare anche una ricaduta economica sul territorio. Sono sempre più frequenti, soprattutto all’estero, le imprese che aprono le porte ai visitatori per illustrare, in contesti dedicati, il processo produttivo, e se ne registrano di importanti anche in Emilia-Romagna (fra gli altri i musei Ferrari, Lamborghini, Ducati, Carpigiani).

Le domande per tutte le misure dovranno essere presentate dal 10 gennaio al 28 febbraio 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *